La morte a Venezia

Aschenbach, aristocratico artista affetto attacchi angina, arriva alle apprezzate arcipelagose azzurre acque adriatiche.

Allorché alloggia albergo, apollineo affascinante adolescente attrae attenzione, adescandolo.

Autentico abbaglio ardente.

Ah! Assurde aspettative abbarbicate all’anzianità avanzante: anelare, adorare, accarezzare, abbracciare … azioni assolutamente azzerate. Ammesso appena amore appagante anima.

Amore altamente autodistruttivo. Aschenbach adotta acconciatura artefatta, agghindandosi astrusamente, aspirando ad apparire ancora acerbo.

Appostato attenderà accenno appuntamento accomodante. Assorbirà amarezza.

Allerta! Accidente asiatico allarma, ammorbandoli, abitanti. Avvertono: auspicabile allontanarsi.

Arrendevole Aschenbach assimila abbandono.

Annichilito, auspicherebbe addio all’altezza. Ahimé: assisterà alquanto avvilito avverarsi assenza.

Apoplessia affloscerà Aschenbach avanti all’arenile.

Foto: Cimitero isola San Michele, Venezia, 2003

Un pensiero su “La morte a Venezia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...