Obiettivi e categorie del Blog

Tre scrittrici senza criterio raccontano, dipingono, fotografano, condividono …

Legenda delle Categorie scritteriate:

Messwriting trae la sua origine da Mess-painting (pittura disordinata, pasticciata, realizzata abbandonando controllo e intenzionalità) e racchiude, al momento, le bizzarrie del nostro pensiero laterale

Citazioni illuminanti include brani, aforismi, estratti relativi a “buone prassi” di scrittura e di pensiero

Petits portraits è una rassegna di piccole opere artistiche, compagne di viaggio delle parole

Piccoli giocattoli è in onore di Umberto Saba che, in una lettera a Terracini, scrive: «Ti mando questi versi, o meglio questi piccoli giocattoli. Li ho scritti durante la guerra: non valgono gran che, non li ho mai stampati, e non li stamperò probabilmente mai».

Per noi equivalgono a tentativi poetici liberi o strutturati che man mano sperimentiamo:

  • acrostici: gioco di parole in cui le lettere iniziali formano un nome o una frase
  • drabble: piccolo racconto di 100 parole (ammesse da 98 a 102)
  • haiku: componimento poetico con la successione di tre versi secondo lo schema 5-7-5 (quasi-haiku quando lo schema non è rispettato)
  • lipogramma: una lettera, di solito una vocale, non deve mai apparire nel testo
  • petit onze: struttura poetica caratterizzata da 1 – 2 – 3 – 4 – 1 parole, per un totale di 11
  • tautogramma: piccolo componimento dove tutte le parole hanno la stessa lettera iniziale
  • limerick:  filastrocca inglese dal contenuto generalmente paradossale, composta da cinque versi dei quali il primo rima con il secondo, il terzo con il quarto e il quinto con il primo. Il quinto verso ripete la parola finale del primo.