Lipogramma: l’infinito di Leopardi…senza la A

Sempre nel cuore ho quest'ermo colle
e le verdi siepi, che impediscono dell'orizzonte ogni visione,
Seduto però scruto, oltre quelle, infiniti cieli,
e ignoti silenzi, e indescrivibile quiete
e mentre, insieme, penso e sogno, mi investono vertigini e sconcerto.
E come il vento odo stormir dentro quel bosco,
confronto questo suono e quell'infinito silenzio:
e mi sovvien l'eterno e il tempo che fu,
ed il vigoroso presente e il di lui suono.
Così, in quest’ immenso, s’immerge il pensier mio
e dolcemente si disperde  in fluide linfe.




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...