Rose (Filippo De Pisis)

Lipogramma in A

Le rose un poco sfiorite flettono le corolle

sull’orlo delle ciotole.

Si rincorrono le nubi sui tetti grigi.

Nel profondo di un bosco,

nel mezzo del blu ondoso,

voli lenti di sontuosi lepidotteri

un giorno remoto, come questo.

Coinvolto si finge il mio cuore verso queste cose

(il verde sul poggiolo

gode l’ultimo tocco del sole)

corre invece verso l’ignoto

inseguendo orizzonti privi di fine.

Le rose un poco sfiorite flettono le corolle

sull’orlo delle ciotole.


Testo originale


Le rose un poco stanche piegano il capo
sopra l’orlo dei vasi.
Passano nubi sopra i tetti grigi.
Nel profondo di un bosco,
in mezzo al mare,
voli lenti di vanesse
un giorno lontano, come questo.
Attento pare il mio cuore a queste cose
(le piante sul balcone
godono l’ultima carezza del sole)
corre invece lontano
in cerca d’orizzonti senza fine.
Le rose un poco stanche piegano il capo
sopra l’orlo dei vasi.

Un pensiero su “Rose (Filippo De Pisis)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...