Il mio infinito (divertissement-che Leopardi mi perdoni!)

Sempre ostile mi parve questa piana
e lo scompiglio, che in ogni sua parte,
strada, via o piazza, regna.
Ma dall’alto del suo Duomo ammirando
sterminate strade e fantasiosi palazzi,
lievemente celati da una bruma sottile,
ed ascoltando soffusi schiamazzi 
e nostalgiche note lontane,
la meraviglia mi cattura
e il pensier mio è per coloro,
che senza fama o gloria
tutto questo realizzarono
ed ai loro volti e nomi che
nel mare del tempo naufragarono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...