dal futuro (i gatti salveranno il mondo)

Anno duemilanovecentoxxx

La legge vieta le emozioni, provarne è reato.

Lascio questo scritto per i posteri affinché sappiano la verità.

Gli scienziati, ai quali è stato dato il compito di risolvere i problemi del pianeta, si sono inventati questa assurdità; “così gli uomini saranno tranquilli”- dicono (“come pecore in un recinto, come mucche al macello” – dice il volgo).

Credono di poter così diffondere l’atarassia epicurea: dove non ci può essere amore non può trovare casa neppure il suo contrario – sostengono. Et voilà: il mondo perfetto!

Scellerati.

I “maghi” della LEX – così hanno chiamato (con evidente riferimento ad un passato assai più glorioso) l’autorità che si occupa dell’ordine pubblico -avranno d’ora in poi il potere di prelevare, seduta stante, l’eventuale reo, confinandolo (così si mormora) in una lontana isola, dalla quale nessuno è mai tornato e della quale non si conosce la collocazione.

Corre voce che prima della deportazione sottopongano i sospettati (a loro insaputa) ad un test per verificarne la debolezza. Uno di questi consiste nel deporre sull’uscio di casa un gattino di pochi giorni.

I delatori, nascosti, attendono il momento del ritrovamento per studiare, nell’ombra, il comportamento dell’accusato, pronti a cogliere una lacrima furtiva, l’accenno di un sorriso, occhiate languide.

Coloro che mostreranno  atteggiamenti protettivi nei confronti dell’animale saranno prelevati.

Pochi resistono.

La paura è l’emozione (questa tollerata) più diffusa. Persino incrociare casualmente un conoscente è fonte di preoccupazione; potrebbe sorgere spontaneamente un sorriso: inaccettabile e sanzionato!

Anno tremilaxxxxxx

Ormai sono vecchio, ma continuo il mio diario che testimonia il fallimento delle leggi anti-emozioni.

La popolazione mondiale nel corso di mezzo secolo risulta dimezzata.

L’autorità che si occupa dell’ordine pubblico, ora denominata SALUS, studia il fenomeno dei suicidi, piaga del secolo.

Gli scienziati non comprendono la ragione per cui  individui sani scelgano di porre fine ad un’esistenza che si sviluppa nel migliore dei mondi possibile: in una società priva di problemi, di conflitti sociali, di scontri, di guerre, ove domina una tranquillità che, non se ne avvedono, è palesemente disumana e indotta.

Da recenti sondaggi pare che buona parte della popolazione, vinto l’iniziale panico, voglia essere deportato sulla misteriosa isola perché….si vocifera,  lì è il mondo nuovo!

Così ogni giorno spalanco l’uscio di casa nella speranza di trovare il “mio” gattino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...