Pioggia d’autunno (lipogramma in E)

Qual incanto, pioggia d’autunno, trasformarmi in foglia

avida d’acqua sino al picciolo

congiunto al ramo, ramo abbracciato al tronco,

tronco abbarbicato al suolo; tu, pioggia, fra i profondi condotti

scorri, ti spandi, placando l’arido affanno.

Ascolto il tuo annuncio di un rigido riposo:

fra non molto la foglia cadrà d’una ramata tinta,

al fango sarà commista,

ma poi nutrirà il tronco valicando radici immobili,

sino a rispuntar sui rami di un nascituro ciclo.

Qual incanto, pioggia d’autunno, trasformarmi in foglia,

abbandonarmi ai tuoi scrosci, sicura

di mai, mai morir, ma solo

cangiar il mio volto quando natura vorrà,

fin quando la pianta rimarrà fronzuta.

VERSIONE ORIGINALE DI ADA NEGRI

Vorrei, pioggia d’autunno, essere foglia
che s’imbeve di te sin nelle fibre
che l’uniscono al ramo, e il ramo al tronco,
e il tronco al suolo; e tu dentro le vene
passi, e ti spandi, e si gran sete plachi.
So che annunci l’inverno: che fra breve
quella foglia cadrà, fatta colore
della ruggine, e al fango andrà commista,
ma le radici nutrirà del tronco
per rispuntar dai rami a primavera.
Vorrei, pioggia d’autunno, esser foglia,
abbandonarmi al tuo scrosciare, certa
che non morrò, che non morrò, che solo
muterò volto sin che avrà la terra
le sue stagioni, e un albero avrà fronde

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...