Sonetto: “La pecora nera”

Dell'indistinta gregge la regina, 
son l'esemplare con il manto scuro, 
ovviamente di nome fo' Nerina
(certo banale lo è di sicuro). 

Nel cor del can pastor sono la spina, 
da lui scappo scavalcando il muro, 
sola corro veloce, me tapina, 
nulla importa se poi mi spauro. 

Libertà val bene qualche tremito, 
come malinconia ninfa gentile
piacere vero è sentir quel fremito;

la vita no, non vuol che io sia vile.
E mentre volo verso l'infinito,
si fa subito sera nell’ovile. 

(si ringraziano: Giacomo Leopardi - Dante Alighieri - Ippolito Pindemonte - Salvatore Quasimodo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...